, ,

Imm Cologne 2018 design trends

A gallery from Imm Cologne 2018, and from Design Post, with new exhibitors for 2018. New products, new trends, new people.

 

,

A mission, a success: Barel in South East Asia

“I have been introduced to Franz – from ICON –  during the Fuorisalone 2016. He told me briefly about his company and his specific area of interest – high end and luxury design furniture in South East Asia – and about the market possibilities for Italian companies.
Since the beginning, I was impressed by his thorough knowledge of the details of the local markets.
But what really amazed me was his attitude: he told me: “Rodolfo, please do not believe me! Come to Asia, and experience for yourself the potential of the markets where I operate”.
So, there I went. And after 10 days spent with him in the area of Singapore and Malaysia I can only say that he was 100% spot-on. There are endless possibilities for the real Made in Italy brands in the area.

I can testimony that Franz – and ICON – have three main strengths: they possess a great knowledge of the market; they know the local culture, needed to secure contracts in the area; and finally, they have an amazing array of contacts and references in the local furniture and retail industry.

This sector is closely tied to the construction industry, and in both Singapore and KL they build day and night high-rise buildings and large residential complexes. Surely, Singapore is a difficult, saturated market – a metropolis that still continues to expand. But I am pretty sure that in KL and Malaysia, where from the moment you land at the airport and on the way to the city you see almost more cranes than cars, the market will be booming as well.

Despite that Singapore is a very strategic city for International Affairs (one of the three largest ports in the world), the local designers work a lot more in China, Indonesia, Australia, Vietnam, and the Philippines than in the city, where the market is slightly more saturated (but nonetheless, much more open compared to Europe).

The most amazing thing is to understand the fact that about 5 billion people reside in Asia and 3 billion in the rest of the world: this says everything about where it is and will increasingly be the focus of the global business.

Thanks to the mission with Franz and the services of Italian Consulting, we at Barel have closed a partnership contract with one of Singapore design firms dedicated to the horeca sector, and the next March 23 we will be presenting the Barel brand in their showrooms. We have also started to work with Jarrod Lim, a Singaporean designer, and the next April we will present in iSaloni Milan a collection designed by him. More, we are in talks with a large buying group to begin working in KL – and we hope this is just the beginning.

What can I say more? Franz and ICON have delivered an astounding amount of value in their service“.

This is what Rodolfo Barel has said after his successful mission in South East Asia, organized by Italian Consulting, which helped him relate to a new, growing market in a big way. He had the opportunity of understanding the main themes of the local retail market , and of meeting up personally with designers, entrepreneurs, distributors and othe assorted stakeholders of the industry.

After a few months (end April 2017), we are very proud to announce that the Barel exhibit in Singapore has been opened, and its cooperation with its distributors is gaining up speed.

 

, ,

The PDP is determined to rock the house – again

pdp_2.jpg

The PDP international designers.

The stellar results of the first edition of the Professional Designers Program (PDP) – presented in the last edition of the EFE in March, have been so noteworthy that the Malaysian Furniture Promotion Council (MFPC) has committed to renew it by launching the 2016/2017 Edition of the Project, in close cooperation with Malaysian Timber Industry Board (MTIB).
The PDP 2nd Edition 2016/2017, or PDP2, will rely on the same trustworthy team of Professional Designers of the First Edition, which will put their skills in action for four new Malaysian furniture manufacturers. These companies will receive a creative support to develop new products by the PDP team, comprising established designers worldwide and local rising stars coming from the well-known MTIB’s TANGGAM initiative, supplemented by the operative knowledge of the in-house designers of the companies.

Read more

, ,

The design market is growing, especially in Asia

The meeting “Design Today: Challenges and Visions”, organized by the Altagamma Foundation during the first edition of the Brera Design Days, has been the occasion of a lively debate between several protagonists of the world of design – including Claudio Luti (Kartell), Antonio Citterio (architect), Alberto Alessi (Alessi), Roberto Gavazzi (Boffi). Also, it was presented  the second edition of the study Altagamma Bain Design Market Monitor, which registers a growth of the design market of +4%, and in particular, of the online channel (+24% at current rates): this has been the topic of a talk with Andrea Ciccoli (The Level Group/Wallpaper*) and Andrea Ghizzoni (WeChat).

Read more

, ,

Furniture: an industry in search of Authors

 

Three months after the Salone del Mobile in Milan, after having absorbed the shock wave of the overabundance of productsevents- brands and visitors, we can sit back and examine objectively the situation on the furniture industry in Italy (but not only), so to determine some possible future trends (with no claim to completeness). As confirmed by Federmobili, of the more than 372,000 visitors who had access to the Milan exhibit, approximately 123,000 were Italian, a figure on the rise, confirming the slight recovery of the industry underway in Italy.

Read more

, ,

CIFF Shanghai 2016

La prima edizione di CIFF Shanghai, che si è tenuta presso il National Convention & Exhibition Center, ha visto un’affluenza di oltre 100 mila visitatori professionali, con un’offerta merceologica che, oltre all’arredamento, comprendeva anche complementi, tessuti, e componenti.

Per la prossima edizione di CIFF Shanghai, che si svolgerà dal 7 al 10 settembre 2016, la superficie occupata sarà di oltre 400.000 mq.

Read more

,

Arredamento: un’industria in cambiamento

stand_molteni_salone_2016.jpg

The Molteni & C. booth at Milan Salone 2016, designed by Vincent Van Duysen.

A tre mesi dal Salone del Mobile di Milano, assorbita l’onda d’urto della sovrabbondanza di prodotti-eventi-brand e di visitatori, facciamo il punto sulla situazione dell’industria dell’arredamento in Italia (ma non solo), e vediamo qualche possibile sviluppo futuro, senza nessuna pretesa di esaustività. Come confermato da Federmobili, degli oltre 372.000 operatori che hanno avuto accesso al Salone, circa 123.000 erano italiani, un dato in aumento, che conferma la leggera ripresa in atto in Italia.
Dai dati forniti da Federlegno Arredo, infatti, risulta che nel 2015 il macrosistema arredamento ha registrato un fatturato di 24.924 miliardi di euro, di cui il 50% viene realizzato grazie all’export. Il 2015 ha visto anche un aumento dell’export del 6,1%; le imprese alla fine del 2015 erano 30.943, con 181.327 occupati.

Un’industria in cambiamento
Sfogliando a ritroso i dati degli ultimi 10 anni, è facile vedere che dal 2007 – ultimo anno in cui si registrò un incremento di fatturato, da 23 a oltre a 26 miliardi – al 2014, la produzione di arredamento in Italia non ha fatto altro che calare, e con essa sono diminuiti numero di imprese e numero di addetti. Per fortuna, l’export è salito dal 46 fino al 57% (adesso si attesta di poco sopra il 50%), ma questa crescita non è bastata a compensare la drastica riduzione del mercato domestico. Il consumo apparente di mobili nel mercato domestico si è infatti ridotto dagli oltre 17 miliardi del 2007 ai 10 miliardi circa del 2015. E le imprese hanno lasciato sul campo oltre 50 mila lavoratori, per un totale di oltre 5.000 imprese in meno. Difficile parlare solo di crisi, è evidente che si tratta di un cambio epocale.
Un cambio epocale che sta influenzando anche lo schema di funzionamento dell’industria dell’arredo di design, uno schema tutto sommato semplice che funzionava dal secondo dopoguerra: lo schema designer-industria-distribuzione-vendita-royalties.
Nato subito dopo la seconda Guerra Mondiale, quando l’Italia era nel pieno della ricostruzione, e c’era bisogno di tutto, il sistema di pagamento a royalties in percentuale sul venduto funzionava, e, dato che c’erano guadagni abbondanti per tutti, nessuno aveva da lamentarsi. In anni più recenti, anche se magari i guadagni cominciavano ad assottigliarsi, l’esposizione mediatica di un prodotto, magari al Salone del Mobile di Milano, poteva compensare la mancanza di una ricompensa monetaria per il designer, con una promessa di maggiori commesse per il futuro grazie alla visibilità.
Poi, la Grande Recessione ha decretato il trionfo di produzioni di costo sempre più basso, ha ridefinito le dimensioni del mercato, riducendo drasticamente la dimensione del mercato interno come spiegato, spingendo la produzione italiana sempre più verso la fascia alta, e riducendo ulteriormente volumi di vendita e possibilità di guadagni per i designer di questo settore.

I designer imprenditori e l’ecommerce
È così che diversi progettisti, affermati e non, hanno cominciato ad affrontare la questione, puntando sulle proprie capacità imprenditoriali. È un fenomeno abbastanza recente, che però vede già alcuni casi di successo (alcuni anche di grande successo).
Si va dal designer che disegna e affida la produzione a terzi, trasformando il proprio nome in un brand, al designer che coinvolge altri designer, agendo da editore, e occupandosi anche della distribuzione e della vendita. Per il momento si tratta per lo più di oggetti o pezzi singoli, quali sedie o lampade, ma è comunque uno sviluppo da considerare. Inoltre, alcuni di loro stanno sperimentando nuovi modelli di business, per superare lo schema produzione-vendita-royalties, cercando di accorciare la filiera, favorendo così possibilità di guadagno maggiore per i designer.
Smaller Objects è nata su iniziativa dei designer svedesi Claesson Koivisto Rune. Come dice il nome, propone soprattutto piccoli oggetti per la casa, disegnati da vari designer. La novità è nel modello di business, diverso da quello tradizionale. Smaller Objects infatti si propone come una piattaforma per la vendita – gli oggetti ovviamente devono avere le caratteristiche giuste per rientrare nel progetto – e i designer seguono direttamente la produzione. Smaller Objects riconosce ai designer il 75% del prezzo di vendita, contro le piccole percentuali del modello usuale di pagamento a royalties. È indubbio però che la gestione di una produzione così strutturata richiede un impegno di tipo diverso da parte dei designer, a cui viene richiesto di impegnarsi attivamente anche come imprenditori. Il modello, come spiega Marten Claesson, si ispira alla sharing economy.
Un modello “che rispetta la dimensione artigianale” e coinvolge il designer come editore e imprenditore è anche Something Good, iniziativa di Giorgio Biscaro, Zaven e Matteo Zorzenoni. Something Good è una piattaforma che unisce designer e aziende italiane, per produrre accessori e oggetti di grande qualità, in piccole quantità. La quantità naturalmente può variare, ma la filosofia del progetto è nel produrre oggetti in quantità limitate, per mantenere la qualità elevata.

Accanto alla ricerca di nuovi modelli imprenditoriali, si è presentata la necessità di confrontarsi con i nuovi mercati, sia come nuove prospettive per la vendita, sia come concorrenti invadenti e troppo competitivi, grazie a legislazioni sul lavoro decisamente meno restrittive, e costi di produzione molto più bassi. Non dimenticando le possibilità offerte dall’e-commerce, ancorché certamente non semplice da affrontare.
Qeeboo prende spunto dalla considerazione di tutti questi aspetti, e dall’esperienza imprenditoriale e internazionale di Stefano Giovannoni, designer di fama che ha spaziato in vari campi di attività e tipologie di prodotto. Forte della sua lunga e approfondita esperienza, Giovannoni nel 2015 ha avuto l’idea di progettare una serie di pezzi di arredamento – sedie, poltrone, lampade, accessori – interamente in plastica, disegnati da alcuni designer, tra cui Marcel Wanders, Nika Zupanc, Richard Hutten, Andrea Branzi, da produrre con tecniche industriali avanzate. Grazie a una partnership con una società di Hong Kong, e alla vendita attraverso il proprio sito o attraverso piattaforme dedicate, i prodotti avranno prezzi decisamente contenuti, e abbordabili per molte più persone. Così, come sostiene Andrea Branzi, si può realizzare un design democratico.

Tra i designer che hanno trasformato il loro nome in un brand, con un certo successo, possiamo citare anche l’inglese Lee Broom, l’italiano Giampaolo Benedini, che sta lavorando a una collezione di lampade e complementi per la vendita on line, Sebastian Wrong, che ha messo a punto una nuova collezione di luci, sviluppata con la danese Hay, e naturalmente Tom Dixon, che ormai è un’azienda consolidata.

La nuova frontiera: l’infanzia
A caccia di nuovi clienti, cosa può esserci di meglio che catturare l’attenzione di coloro che saranno futuri consumatori di arredamento e design? È così che diverse aziende hanno messo appunto collezioni dedicate ai bambini. La prima è stata Magis, che già dal 2004 ha sviluppato la linea Me Too, una linea di arredamento interamente dedicata ai bambini, progettata da designer internazionali con la collaborazione di pedagoghi e tecnici specializzati nell’infanzia. Ma quest’anno anche Kartell ha presentato una serie di prodotti dedicati ai bambini, che vanno da una versione “in miniatura” e con colori e decori speciali, di prodotti già presenti nel catalogo, a giochi disegnati appositamente e realizzati con la filosofia Kartell, come i cavalli a dondolo di Nendo, o le automobiline di Piero Lissoni. Versioni in miniatura di icone del design sono proposte anche da Vitra, con la Panton Junior chair.

Aziende in cerca di una (nuova) identità
In un clima di cambiamento così diffuso, anche le aziende storiche, i brand consolidati, sono alla ricerca di rinnovamento e di una nuova identità. Due tra le più note e prestigiose, hanno fatto la scelta di nominare due designer e architetti internazionali, di grande fama, come art director.
Cassina, già dallo scorso mese di ottobre, ha designato Patricia Urquiola come art director, e direttore creativo del Gruppo Poltrona Frau, collaborando direttamente anche con Giulio Cappellini, all’art direction dell’azienda omonima. Oltre a occuparsi della ridefinizione dei prodotti, l’incarico di Patricia Urquiola comprende anche il progetto e il ridisegno degli showroom nel mondo.
Scelta analoga – anche se con un personaggio totalmente diverso – è quella di Molteni & C., che ha scelto l’architetto belga Vincent Van Duysen come art director. Un forte imprinting nord-europeo, un rigore minimalista caratterizzano i progetti dell’architetto-designer, che si occuperà di coordinare l’immagine e il concept retail per il brand internazionale. Oltre a disegnare naturalmente i prodotti, tra cui il nuovo divano modulare Paul, le madie Quinaten e il tavolo Jan. La visione di un architetto rappresenterà un interessante sviluppo per l’azienda brianzola, che ha nel suo DNA storici legami con grandi nomi dell’architettura, come Tobia Scarpa, Aldo Rossi, Luca Meda.

, ,

Italian design in Hanghzou, China

For D. Casa is a new showroom in Hanghzou, emerging Chinese metropolis and capital of Zhejiang province, South of Shanghai, selling and showing design furniture, international and made in Italy.

Conceived as a light and rhythmical architecture of frames, all spaces are visually connected by geometrical yet irregular patterns. Floating stairs in wood, bronze and glass host niches with products on display working as a contemplative and inspirational path, connecting the different floors.

The project features a Kartell bar, a 3-mt high caleidoscopic “Wunderkammer” for Barovier & Toso and a design landscape by Poltrona Frau, Cassina, B&B Italia, Molteni, and Baxter. On show also Armani Casa, Fendi Casa, Turri, Giorgetti, Rubelli Casa, Bottega Veneta Home, Gabarino and Agresti. Lovers of bespoke accessories and lightings can find inspirations by the showrooms of Christofle, Baccarat, Venini, Flos and Fontana Arte. For D. Casa hosts also international brands like Ralph Lauren Home, G.P & J. Baker, Georg Jensen, Fritz Hansen, Herman Miller, Arteriors and Kelly Wearstler.

The project develops on two facing buildings, each with 3 levels embracing Taihe and Zancheng plaza. The italian architecture studio Gruppo C14 curated the art direction, created the interior-design and custom-made furniture for common areas and designed the lighting.

Inside, instead of creating separated rooms for each brand, Gruppo C14 added custom-made furniture which links all the spaces to build a fluid design experience. The studio supported the brands to set their showroom and visually link their branding-image to the general complex. Floating stairs in bronze and wood features carefully lit niches that host design installations and books while special areas at the corners are set to rest and relax.

Tony Lu, owner of For D. Casa says: “Working with Gruppo C14 has been a very interesting experience, as they understand the Chinese market. Together we created an ‘international luxury’ project which goes beyond traditional concepts. Speaking of the development of the Chinese taste, I see that we are approaching the International taste. Italians are mature with their own taste, and ability to pick what they like. But now in China, since most of the clients still lack of this ability, interior design and service is what they need”.

Designer David Trubridge against fake

davidtrubridge_destroy_copies.jpg

David Trubridge and the copies destroyed.

At a recent event in Sydney, David Trubridge destroyed a pile of copies of his designs. The aim was to alert Australians to the real cost of rip-off design products.
On June 5th 2016, at the event hosted by the Authentic Design Alliance (ADA) run by Anne-Maree Sargeant, David was able to make his statement clear: “We will not put up with our designs being copied anywhere. It harms us, it harms the families my work feeds, it harms the entire Australian design industry and it harms the environment.”

Read more